I VESCOVI CINESI

Con questo Blog vogliamo lanciare e sostenere una campagna di preghiere per la Chiesa che è in Cina. La Chiesa voluta da Cristo è basata sul fondamento degli Apostoli. "Con la preghiera si può fare molto di concreto per la Chiesa in Cina" (Papa Benedetto XVI). E' sempre difficile pregare per chi non si conosce: notizie precise e concrete sui Vescovi cinesi ci aiutano a vivere meglio la comunione con loro e a dare loro fiducia. Papa Francesco ha detto che lui stesso ogni mattina prega per tutto l'amato popolo cinese. Ricordiamoci anche come S. Teresa del Bambino Gesù, patrona delle missioni, ha offerto le sue preghiere e la sua vita per i fratelli sparsi nel mondo.
Se, poi, vuoi sapere qualcosa di più sui fratelli cinesi manda una E-Mail a: gigidisacco@gmail.com cercheremo di rispondere alle tue richieste.
HOME     INDICE ALFABETICO    

Archivio blog

Vescovi viventi   (92)


Vescovi defunti   (72)


Interviste   (4)


Elenco Vescovi cinesi   (1)


Diocesi vacanti   (0)


Lettere pastorali   (1)


Omelie   (0)


Discorsi   (0)


Fatti particolari   (5)


Figure particolari di Vescovi   (0)


Parole di Papa Francesco di vescovi cinesi   (0)


Lettera di Papa Benedetto XVI alla Chiesa in Cina   (0)


Notizie di attualità   (0)


Altri elenchi   (0)


I santi martiri della Chiesa in Cina   (1)


Padre Matteo Ricci   (0)


Riflessioni   (3)


Storia dell'Evangelizzazione in Cina   (3)


Notizie della vita delle comunità cattoliche   (0)


Scritto da Gigi Di Sacco
il 10 11 2016 alle 15,53

Mons. Zhao Ziping Giacomo - Jinan - Shandong

Chi ha conosciuto personalmente Mons. Zhao e ha ascoltato le sue conversazioni piene di serenità e di arguzia, può testimoniare che nel suo atteggiamento egli era in linea con lo spirito della Lettera che il Santo Padre Benedetto XVI ha indirizzato  alla Chiesa in Cina: fermezza nei principi, rispetto e dialogo con tutti, anche con le Autorità e con i vari organismi statali.


Il 18 maggio 2008 è deceduto, all’età di quasi 96 anni, Mons. Giacomo Zhao Ziping, vescovo di Jinan nella provincia di Shandong. La notizia della sua morte ha colto tutti di sorpresa: egli è mancato alle ore cinque del mattino, nella festa della SS. Trinità, dopo essere stato ricoverato in ospedale per un attacco cardiaco, avvenuto qualche ora prima. Aveva sempre desiderato di non disturbare nessuno al momento della sua morte.

         Il Presule era nato il 23 luglio 1912 in una famiglia cattolica nel villaggio di Manzhuang, a 50 chilometri da Jinan. Fu ordinato sacerdote il 25 agosto 1937, all’inizio del secondo conflitto fra la Cina e il Giappone. Durante quel difficile periodo svolse il suo lavoro pastorale nelle campagne fino agli inizi degli anni 1950, quando fu arrestato e spedito nei campi di lavoro forzato, costretto ad accudire al bestiame.

         Nel periodo della Rivoluzione Culturale fu condannato, per due anni, a trasportare il carbone sulle spalle. Dopo la liberazione riprese l’attività pastorale nella parrocchia dell’Immacolata di Beifang insieme ad un gruppo di suoi confratelli. Era conosciuto anche come un bravo violinista. Il 24 aprile 1988 ricevette la consacrazione episcopale.

         Chi ha conosciuto personalmente Mons. Zhao e ha ascoltato le sue conversazioni piene di serenità e di arguzia, può testimoniare che nel suo atteggiamento egli era in linea con lo spirito della Lettera che il Santo Padre Benedetto XVI ha indirizzato l’anno scorso alla Chiesa in Cina: fermezza nei principi, rispetto e dialogo con tutti, anche con le Autorità e con i vari organismi statali.

         Tra le numerose iniziative pastorali da lui intraprese, si ricorda l’impegno profuso per la formazione del clero, per la promozione della vita religiosa femminile e per la ricostruzione di varie chiese, fra cui la cattedrale di Hongjialou, edificata nel 1905 in stile gotico e dichiarata monumento nazionale nel 2006.

         Il vescovo coadiutore, Mons. Giuseppe Zhang Xianwang, di 43 anni di età, che gli succede nella guida della diocesi, così lo ricorda: “Durante tutta la sua vita, Mons. Zhao affrontò difficoltà di ogni genere senza mai lamentarsi. Noi delle  generazioni più giovani dovremmo imparare dalla sua dedizione al lavoro senza lasciarci spaventare dagli ostacoli che incontriamo nell’opera di evangelizzazione. Mons. Zhao è stato una testimonianza quasi centenaria dello sviluppo della Chiesa locale”.

         La diocesi di Jinan conta più di 60.000 cattolici: ha una quarantina di sacerdoti, quasi tutti giovani, e 11 chiese, inclusi i luoghi d’attività cultuale. Nel Seminario Maggiore Provinciale di S. Giovanni Battista vi sono circa cinquanta alunni. La diocesi possiede anche un Seminario Minore, mentre la Congregazione dell’Immacolata conta ventitre religiose.

         La salma del Presule è rimasta esposta nella cattedrale di Jinan, dove ininterrottamente sono state celebrate Sante Messe ed è stato recitato il Rosario. I solenni funerali, presieduti da  Mons. Giuseppe Zhang Xianwang, si sono svolti nella cattedrale: vi hanno partecipato i vescovi dello Shandong, un centinaio di sacerdoti e migliaia di fedeli.