I VESCOVI CINESI

Con questo Blog vogliamo lanciare e sostenere una campagna di preghiere per la Chiesa che è in Cina. La Chiesa voluta da Cristo è basata sul fondamento degli Apostoli. "Con la preghiera si può fare molto di concreto per la Chiesa in Cina" (Papa Benedetto XVI). E' sempre difficile pregare per chi non si conosce: notizie precise e concrete sui Vescovi cinesi ci aiutano a vivere meglio la comunione con loro e a dare loro fiducia. Papa Francesco ha detto che lui stesso ogni mattina prega per tutto l'amato popolo cinese. Ricordiamoci anche come S. Teresa del Bambino Gesù, patrona delle missioni, ha offerto le sue preghiere e la sua vita per i fratelli sparsi nel mondo.
Se, poi, vuoi sapere qualcosa di più sui fratelli cinesi manda una E-Mail a: gigidisacco@gmail.com cercheremo di rispondere alle tue richieste.
HOME     INDICE ALFABETICO    

Archivio blog

Vescovi viventi   (92)


Vescovi defunti   (72)


Interviste   (4)


Elenco Vescovi cinesi   (1)


Diocesi vacanti   (0)


Lettere pastorali   (1)


Omelie   (0)


Discorsi   (0)


Fatti particolari   (5)


Figure particolari di Vescovi   (0)


Parole di Papa Francesco di vescovi cinesi   (0)


Lettera di Papa Benedetto XVI alla Chiesa in Cina   (0)


Notizie di attualità   (0)


Altri elenchi   (0)


I santi martiri della Chiesa in Cina   (1)


Padre Matteo Ricci   (0)


Riflessioni   (3)


Storia dell'Evangelizzazione in Cina   (3)


Notizie della vita delle comunità cattoliche   (0)


Scritto da Gigi Di Sacco
il 08 11 2016 alle 16,13

Mons. Han Dingxiang Giovanni di Yongnian - Hebei

Il 9 settembre 2006 è deceduto, all’età di soli 68 anni,  Mons. Giovanni Han Dingxiang, vescovo di Yongnian nella provincia di Hebei. Il Presule era nato il 17 maggio 1939. Ordinato sacerdote il 21 novembre 1986, aveva ricevuto la consacrazione episcopale il 14 novembre 1989.


In passato era stato in prigione per più di venti anni. Poi, dall’inizio del 2006 era, per così dire, “scomparso” e nessuno conosceva il luogo dove era tenuto in isolamento. La notizia della sua morte ha colto tutti di sorpresa, poiché non risultava che il Presule fosse ammalato o sofferente per qualche malattia. Ha, inoltre, suscitato tristezza e rincrescimento quanto è accaduto dopo la sua morte. Essendo il Presule venuto a mancare intorno alla mezza notte, alle sette del mattino seguente il suo copro era già stato cremato e tumulato senza alcun rito religioso e senza che i suoi sacerdoti e fedeli potessero rendere omaggio alla salma.

       Si dice che il luogo della sepoltura sia sotto la stretta sorveglianza delle forze di polizia, ma nessuno potrà impedire che i fedeli del mondo intero rendano omaggio a testimoni come Mons. Han, i quali per il Vangelo hanno sofferto in vita e dopo la morte.