I VESCOVI CINESI

Con questo Blog vogliamo lanciare e sostenere una campagna di preghiere per la Chiesa che è in Cina. La Chiesa voluta da Cristo è basata sul fondamento degli Apostoli. "Con la preghiera si può fare molto di concreto per la Chiesa in Cina" (Papa Benedetto XVI). E' sempre difficile pregare per chi non si conosce: notizie precise e concrete sui Vescovi cinesi ci aiutano a vivere meglio la comunione con loro e a dare loro fiducia. Papa Francesco ha detto che lui stesso ogni mattina prega per tutto l'amato popolo cinese. Ricordiamoci anche come S. Teresa del Bambino Gesù, patrona delle missioni, ha offerto le sue preghiere e la sua vita per i fratelli sparsi nel mondo.
Se, poi, vuoi sapere qualcosa di più sui fratelli cinesi manda una E-Mail a: gigidisacco@gmail.com cercheremo di rispondere alle tue richieste.
HOME     INDICE ALFABETICO    

Archivio blog

Vescovi viventi   (92)


Vescovi defunti   (72)


Interviste   (4)


Elenco Vescovi cinesi   (1)


Diocesi vacanti   (0)


Lettere pastorali   (1)


Omelie   (0)


Discorsi   (0)


Fatti particolari   (5)


Figure particolari di Vescovi   (0)


Parole di Papa Francesco di vescovi cinesi   (0)


Lettera di Papa Benedetto XVI alla Chiesa in Cina   (0)


Notizie di attualità   (0)


Altri elenchi   (0)


I santi martiri della Chiesa in Cina   (1)


Padre Matteo Ricci   (0)


Riflessioni   (3)


Storia dell'Evangelizzazione in Cina   (3)


Notizie della vita delle comunità cattoliche   (0)


Scritto da Gigi Di Sacco
il 10 11 2016 alle 15,33

Mons. Zheng Shouduo Agostino - Xinjiang/ Yuncheng - Shanxi

Domenica, 16 luglio 2006, è deceduto Mons. Agostino Zheng Shouduo, vescovo della Prefettura Apostolica di Xinjiang/ Yuncheng nella provincia di Shanxi, situata a 670 chilometri a sud-ovest di Beijing. Il Presule aveva 89 anni: era nato il 17 marzo 1917. Ammalato da  tempo, è rimasto lucido sino alla fine. Ordinato sacerdote nel 1949 e consacrato nel 1982, è stato il primo Vescovo della Prefettura Apostolica di Xinjiang/Yuncheng.


Condannato nel 1964 come controrivoluzionario, passò 15 anni ai lavori forzati. La fortezza d’animo, l’onestà e l’umiltà, mostrate in quel tempo, furono ammirate da tutti. Si racconta che un insegnante delle scuole superiori, che aveva molto criticato il Presule ma era stato colpito dalla sua testimonianza, verso la fine degli anni Ottanta chiese di essere battezzato.

Chi ha conosciuto Mons. Zheng, lo ricorda come un uomo cordiale che sapeva tenere buoni rapporti con tutti: era un grande lavoratore e, come Pastore, curava molto la formazione dei sacerdoti e delle religiose. Della sua vita spirituale sono da tutti ricordate la grande umiltà e la straordinaria devozione alla Madonna.

La Prefettura Apostolica di Xinjiang/Yuncheng conta, oggi, più di 10.000 cattolici, per lo più contadini, sparpagliati in 17 contee, su una superficie di 17.000 kmq: ci sono 29 sacerdoti, 27 dei quali ordinati da Mons. Zheng, e una quarantina di religiose della congregazione diocesana “ Pu Zhao”, fondata dallo stesso Presule.

La comunità cattolica della Circoscrizione ecclesiastica è fortemente impegnata a favore della popolazione locale con opere sociali, quali cliniche oculistiche, ospedali, dispensari e un orfanotrofio per bambini abbandonati e portatori di handicap.

Alla notizia del decesso dell’amato Pastore, più di mille fedeli si sono radunati per una veglia di preghiera. I funerali sono stati celebrati  nella chiesa dell’Immacolata Concezione, con la partecipazione di alcuni vescovi della regione e di una cinquantina di sacerdoti della Prefettura Apostolica e delle vicine diocesi: erano presenti  anche autorità governative, con le quali il Presule aveva mantenuto un rapporto chiaro e cordiale.