I VESCOVI CINESI

Con questo Blog vogliamo lanciare e sostenere una campagna di preghiere per la Chiesa che è in Cina. La Chiesa voluta da Cristo è basata sul fondamento degli Apostoli. "Con la preghiera si può fare molto di concreto per la Chiesa in Cina" (Papa Benedetto XVI). E' sempre difficile pregare per chi non si conosce: notizie precise e concrete sui Vescovi cinesi ci aiutano a vivere meglio la comunione con loro e a dare loro fiducia. Papa Francesco ha detto che lui stesso ogni mattina prega per tutto l'amato popolo cinese. Ricordiamoci anche come S. Teresa del Bambino Gesù, patrona delle missioni, ha offerto le sue preghiere e la sua vita per i fratelli sparsi nel mondo.
Se, poi, vuoi sapere qualcosa di più sui fratelli cinesi manda una E-Mail a: gigidisacco@gmail.com cercheremo di rispondere alle tue richieste.
HOME     INDICE ALFABETICO    

Scritto da Gigi Di Sacco
il 28 10 2016 alle 16,23

Mons. Fan Zhongliang Giuseppe

Fan-Mons. Giuseppe tornò alla casa del Padre il 16 marzo 1914, all’età di 96 anni. Il Presule era nato il 13 gennaio 1918: venne battezzato l’11 maggio 1932 e gli fu imposto il nome Giuseppe. Il 30 agosto 1938 entrò nella Compagnia di Gesù e fu ordinato sacerdote il 31 maggio 1951. Quattro anni dopo, l’8 settembre 1955, venne arrestato per crimini controrivoluzionari insieme all’allora Vescovo di Shanghai, Mons. Ignazio Gong Pinmei, e ad altri sacerdoti. Nel 1958 fu condannato a venti anni di reclusione, scontati interamente in un campo di lavoro nella remota provincia di Qinghai. Dopo il suo rilascio nel 1978, per alcuni anni fu insegnante in una scuola media, senza avere il permesso di rientrare a Shanghai.

 Il 26 febbraio 1985 venne ordinato in segreto vescovo coadiutore di Shanghai da Mons. Mattia Lu Zhensheng, vescovo di Tianshui, nella provincia di Gansu. Nel 2000, con la morte del Card. Gong Pinmei, esule negli Stati Uniti d’America, Mons. Fan divenne Ordinario di Shanghai. Egli non è stato mai riconosciuto dalle autorità cinesi e, pertanto, ha sempre esercitato il ministero episcopale nella clandestinità.

 


Sempre impegnato al servizio della Chiesa nonostante grandi difficoltà. Una sicura colonna della Chiesa in Cina. 

 Amato e stimato dalla comunità cattolica cinese, apprezzato anche nella Chiesa universale, mons. Fan si è sempre impegnato al servizio della Chiesa nonostante le grandi difficoltà in cui si è trovato a svolgere il proprio ministero. Animato da grande zelo pastorale, amministrava personalmente i sacramenti ai suoi fedeli; ha fondato la Congregazione religiosa femminile diocesana “Cuore Immacolato di Maria”, ed è sempre stato disponibile per i sacerdoti e per gli altri vescovi, che si rivolgevano a lui chiedendo collaborazione e consigli.

Dopo la sua morte, in continuazione sono state celebrate Messe di suffragio sia a Shanghai sia in altre chiese della Cina. I fedeli hanno ottenuto di esporre un catafalco nella cattedrale di Sant’Ignazio, sede del Vescovo di Shanghai. 

Un ricordo personale

Ebbi la grazia di incontrarlo negli anni  '80. Durante un lunga conversazione con lui, di notte, nella sua casa in campagna, fuori dalla città di Shanghai, cercavo di spiegare come per noi "stranieri" era difficile incontrare e aiutare i vescovi, sacerdoti e fedeli della comunità clandestina. 

Lui, con molta serenità mi disse:" Capiamo benissimo ! Non preoccupatevi... l'importante che facciate tutto con spirito soprannaturale, con spirito di fede".

Archivio blog

Vescovi viventi   (92)


Vescovi defunti   (72)


Interviste   (4)


Elenco Vescovi cinesi   (1)


Diocesi vacanti   (0)


Lettere pastorali   (1)


Omelie   (0)


Discorsi   (0)


Fatti particolari   (5)


Figure particolari di Vescovi   (0)


Parole di Papa Francesco di vescovi cinesi   (0)


Lettera di Papa Benedetto XVI alla Chiesa in Cina   (0)


Notizie di attualità   (0)


Altri elenchi   (0)


I santi martiri della Chiesa in Cina   (1)


Padre Matteo Ricci   (0)


Riflessioni   (3)


Storia dell'Evangelizzazione in Cina   (3)


Notizie della vita delle comunità cattoliche   (0)