I VESCOVI CINESI

Con questo Blog vogliamo lanciare e sostenere una campagna di preghiere per la Chiesa che è in Cina. La Chiesa voluta da Cristo è basata sul fondamento degli Apostoli. "Con la preghiera si può fare molto di concreto per la Chiesa in Cina" (Papa Benedetto XVI). E' sempre difficile pregare per chi non si conosce: notizie precise e concrete sui Vescovi cinesi ci aiutano a vivere meglio la comunione con loro e a dare loro fiducia. Papa Francesco ha detto che lui stesso ogni mattina prega per tutto l'amato popolo cinese. Ricordiamoci anche come S. Teresa del Bambino Gesù, patrona delle missioni, ha offerto le sue preghiere e la sua vita per i fratelli sparsi nel mondo.
Se, poi, vuoi sapere qualcosa di più sui fratelli cinesi manda una E-Mail a: gigidisacco@gmail.com cercheremo di rispondere alle tue richieste.
HOME     INDICE ALFABETICO    

Archivio blog

Vescovi viventi   (92)


Vescovi defunti   (72)


Interviste   (4)


Elenco Vescovi cinesi   (1)


Diocesi vacanti   (0)


Lettere pastorali   (1)


Omelie   (0)


Discorsi   (0)


Fatti particolari   (5)


Figure particolari di Vescovi   (0)


Parole di Papa Francesco di vescovi cinesi   (0)


Lettera di Papa Benedetto XVI alla Chiesa in Cina   (0)


Notizie di attualità   (0)


Altri elenchi   (0)


I santi martiri della Chiesa in Cina   (1)


Padre Matteo Ricci   (0)


Riflessioni   (3)


Storia dell'Evangelizzazione in Cina   (3)


Notizie della vita delle comunità cattoliche   (0)


Scritto da Gigi Di Sacco
il 11 11 2016 alle 09,32

Mons. Zhang Mingqian Paolo Francesco - Yichang - Hubei

Mons. Zhang ha donato tutto quanto aveva guadagnato dalla sua passata professione di medico per sostenere i suoi seminaristi. 
"Non si arrabbiava mai – dice p. Lu – e noi sacerdoti non avevamo alcun imbarazzo a stare con lui".
 


ZhangMons.  Paolo Francesco Zhang Mingqian, vescovo di Yichang, Hubei è morto  all'età di 88 anni. Era afflitto da molte malattie fin dal 2001. Ai funerali hanno partecipato almeno mille cattolici. Altre 5 messe funebri celebrate in precedenza, avevano radunato 200-300 persone ognuna. Dopo la messa solenne, il suo corpo è stato cremato e le ceneri seppellite nella cattedrale.

Secondo p. Lu Shouwang, vicario generale della diocesi  il vescovo francescano era ricoverato da tempo con diabete, alta pressione sanguigna e altre difficoltà. Yichang, nella Cina centrale, si trova a 1485 km a sud-ovest di Pechino.

Il p. Lu afferma che il vescovo, essendo un dottore, ha cooperato con medici e infermiere durante la sua cura. Dopo 40 giorni di ospedale, i dottori hanno consigliato il suo ritorno a casa. Il vescovo è morto nell'episcopio della chiesa di san Francesco, circondato dai suoi preti.

Mons. Zhang ha donato tutto quanto aveva guadagnato dalla sua passata professione di medico per sostenere i suoi seminaristi. Per un certo periodo ha anche insegnato in seminario. Pur avendo smesso di praticare la professione nel 1982, egli offriva consigli medici ai suoi sacerdoti e alla gente malata.

Il vescovo – che secondo alcune voci si era riconciliato segretamente col Vaticano – è nato il 26 ottobre 1917 da una famiglia cattolica di Jingmen, Hubei. A 21 anni, nel 1938, entrò nel seminario francescano di Hankou. Poi continuò gli studi nel seminario maggiore ed fu ordinato prete nel 1944, ritornando ancora a Yichang.

Nel 1947 aprì un dispensario e nello stesso tempo svolse il lavoro di parroco in una chiesa di Jinmen. All'arrivo dei comunisti, gli viene lasciata la libertà di predicare, esercitando nello stesso tempo la medicina nell'ospedale fino al '56. Due anni dopo viene eletto primo vescovo cinese di Yichang e il vescovo di Hankou, Bernardino Dong Guangqing, un altro francescano, lo ordinò l'anno dopo.

Durante la Rivoluzione Culturale (1966-1976) mons. Zhang venne condannato alla "riforma-attraverso il lavoro" presso l'Ospedale del Popolo n. 1 di Yichang. Tornò libero nel '78 e lavorò come ordinario di Yichang fino alla sua morte.

P. Lu  afferma che mons. Zhang "ha dato tutta la vita per educare sacerdoti e suore e per costruire le chiese". Il vescovo ha pure molto lavorato per recuperare proprietà della Chiesa sequestrate dal governo, con la politica di Deng Xiaoping alla fine degli anni '70.

I suoi sforzi di costruire nuove chiese e recuperare le antiche non erano confinati solo a Yichang, ma anche in altre diocesi confinanti nell'Hubei.

Secondo p. Lu, il vescovo ha anche costruito un convento per le suore nel 1987 e ha educato più di 10 suore e 30 sacerdoti dal 1989 al 1995. Alcuni di loro servono adesso diverse diocesi della Cina.

L'impegno di mons. Zhang per la Chiesa ha spinto molti nella diocesi a volergli bene. 
Mons. Zhang ha donato tutto quanto aveva guadagnato dalla sua passata professione di medico per sostenere i suoi seminaristi.

P. Joseph Ha Chi-shing, francescano ed ora vescovo ausiliare di Hong Kong conferma quanto detto da p. Lu: il vescovo Zhang si prendeva molta cura dei suoi sacerdoti e questo produceva unità fra di loro. P. Ha, che ha conosciuto mons. Zhang solo dopo il 1998, ricorda il carattere del vescovo come "umoristico e affabile, per nulla formale", una qualità che egli definisce "rara fra i vescovi anziani".